Salto della specie

14 Maggio 2020
Salto della specie

Pubblicato anche sul manifesto on line Vulnerabilità, relazione, interdipendenza, cura. Sono parole tratte dall’esperienza comune femminile, che il lessico politico e teorico femminista ha fatto proprie e elaborato per decenni. Parole che solo venti anni fa era avanguardistico e minoritario pronunciare e che oggi, nell’emergenza Coronavirus, sono diventate maggioritarie e di senso comune. Un...

Continua »

In una parola / Mancano gli “uomini di una volta”?

di Alberto Leiss
13 Maggio 2020
In una parola / Mancano gli “uomini di una volta”?

Pubblicato sul manifesto il 12 maggio 2020 – Naturalmente “nulla sarà come prima”, nel senso di qualcosa che vada un po’ meglio, può essere una pia illusione. Mi sembra altrettanto possibile che le cose vadano peggio. E non solo perché affronteremo una dura crisi economica, occupazionale ecc. Anzi, la stiamo già vivendo. I primi...

Continua »

In una parola / Il sesto grado della congiunzione

di Alberto Leiss
7 Maggio 2020
In una parola / Il sesto grado  della congiunzione

Pubblicato sul manifesto il 5 maggio 2020 – Ne abbiamo già lette e sentite di tutti i colori, come si dice, a proposito della faccenda dei “congiunti” che saremmo – relativamente – liberi di visitare secondo quanto prescrive l’ultimo DPCM (Decreto del Presidente dei Consiglio dei Ministri) che ha aperto la cosiddetta “fase 2”....

Continua »

Microcritiche / “Hollywood”, o la riscossa dei “diversi”

di Ghisi Grütter
6 Maggio 2020
Microcritiche / “Hollywood”, o la riscossa dei “diversi”

“Hollywood” è una recente miniserie TV di sette puntate, molto apprezzata da vari critici. Natalia Aspesi, ad esempio, ne è entusiasta e, il 30 aprile scorso, le ha dedicato un intero paginone de “La Repubblica”. Questa miniserie è stata scritta da Ryan Murphy – già autore di altre serie televisive di successo come “The...

Continua »

Quatt’ ‘e maggio

di Olimpia Bineschi
5 Maggio 2020

Quatt’ e’ maggio, quattro di maggio: a Napoli siamo soliti dire così quando vediamo intorno a noi una gran confusione, un’amica che per il week end prepara un baule di abiti, una casa in occasionale o perpetuo disordine. Un detto che rimanda a tradizione antica: Camillo Albanese, in Storie della città di Napoli (Newton...

Continua »

Il virus imprevisto, e la fine di un mondo

di Elettra Deiana
2 Maggio 2020
Il virus imprevisto, e la fine di un mondo

All’inizio sembrava una cosa da poco, su cui scherzare, sparare il solito carico di razzismo italico, soprattutto, stavolta, contro i Cinesi che per primi ne erano stati infettati. Alla tv avevamo visto la città di Wuhan, della provincia dell’Hubei dove Covit19 si era manifestato con notevole violenza,ed era una città incredibilmente deserta in tutte...

Continua »

Featuring Recent Posts WordPress Widget development by YD