Cura del vivere

Ballerino delle parole, tra leggerezza e temerarietà

di Letizia Paolozzi
Ballerino delle parole, tra leggerezza e temerarietà

A Centocelle, sono comparse frasi prese dai testi di Nanni. “Si può sentire lo strappo sonoro scorrere il sangue la nuova vita che arriva”. “In una realtà caotica ostile immensa” Si tratta, ha spiegato l’anonimo che le ha scritte di “Una lingua per l’antifascismo”. Forse. Sicuramente sono la testimonianza di un rapporto lungo e...

Continua »

Nanni la chiamava “Rosamia”

di Mattia Tombolini
Nanni la chiamava “Rosamia”

Nanni era sempre indaffarato. Tutti i giorni si svegliava e pensava a cosa doveva fare, a cosa era in sospeso dal giorno prima. Prendeva il telefono e chiamava. Girava con una macchina color bordeaux. Una volta mi è capitato di salirci. Anche dopo gli 80 anni lui era convinto di prendere la macchina. La...

Continua »

Promemoria femminista per il 26 maggio

Promemoria femminista per il 26 maggio

Questo testo del Gruppo delle femministe del mercoledì è stato pubblicato anche sul manifesto del 22 maggio 2019- Votare alle prossime elezioni nonostante la trascuratezza dell’Europa nei confronti di chi la abita? Nonostante la crisi di legittimità della politica e del sistema dei partiti che non ha saputo impedire la mortificazione antropologica di tanti...

Continua »

Dalla Spagna all’Europa: le donne faranno la differenza?

di Letizia Paolozzi
Dalla Spagna all’Europa: le donne faranno la differenza?

Siamo in un momento di forza dei movimenti delle donne. Nel tempo del MeToo che ha liberato la parola femminile. Cambia qualcosa nel gioco elettorale e, più precisamente, nelle prossime elezioni europee? Certo, una può dire: “Questa roba non mi interessa affatto” ma quante hanno paura di un assestamento autoritario della società, di un...

Continua »

Featuring Recent Posts WordPress Widget development by YD