In una parola / 90 anni

di Alberto Leiss
21 luglio 2016

Pubblicato sul manifesto il 19 luglio 2016 – Prima di tutto i più sinceri auguri al manifesto, tornato nelle mani dei giornalisti e delle giornaliste che lo fanno. Finalmente una buona, ottima notizia, non solo per la sinistra. Mi auguro che questo giornale possa essere sempre meglio un laboratorio di conoscenza e di ricerca...

Continua »

In una parola / Spacchettamento

di Alberto Leiss
21 luglio 2016

Pubblicato sul manifesto il 12 luglio 2016 – Le acrobazie della nostra politica hanno stravaganti ricadute linguistiche. Ci si interroga sull’ opportunità di modificare l’Italicum, la legge elettorale che sarebbe una originale invenzione per il nostro paese, mai sperimentata altrove, mentre il vocabolo spacchettamento ha il suo momento di gloria unendosi indissolubilmente al referendum...

Continua »

In una parola / Sonno

di Alberto Leiss
8 luglio 2016
In una parola / Sonno

Pubblicato sul manifesto il 5 luglio 2016 – Mi ha colpito l’accorato articolo di Pierluigi Battista sul Corriere della sera di domenica, dopo la strage degli italiani a Dacca. Ci dovremmo tutti liberare di una colpevole disattenzione, cecità, volontà di non capire la gravità e l’estensione globale della “guerra santa” che l’Islam integralista e...

Continua »

Microcritiche / Notturno suburbano con gatto e vampira

di Ghisi Grütter
8 luglio 2016
Microcritiche / Notturno suburbano con gatto e vampira

A GIRL WALKS HOME ALONE AT NIGHT – Film di di Ana Lily Amirpour. Con Sheila Vand, Arash Marandi, Marshall Manesh, Mozhan Marnò, Dominic Rains. Fotografia di Lyle Vincent – In questi giorni si può finalmente vedere al cinema A Girl Walks Home Alone At Night, film di esordio di Ana Lily Amirpour, presentato...

Continua »

In una parola / Nì!

di Alberto Leiss
1 luglio 2016
In una parola / Nì!

Pubblicato sul manifesto il 28 giugno 2016 – Dopo il referendum inglese, incautamente avvallato dal premier conservatore, mi viene voglia di rielencare tutti i dubbi che nutro per queste forme di democrazia diretta, con la loro retorica sui “popoli che scelgono il proprio destino”. Certamente gli entusiasmi per la “volontà generale” di rousseuaiana memoria,...

Continua »

Non le voto, ma ben che siano donne…

di Letizia Paolozzi
27 giugno 2016
Non le voto, ma ben che siano donne…

Non ho votato il Movimento 5 Stelle. Considero pericolosa l’idea che hanno della giustizia; la cultura del sospetto; l’atteggiamento ambivalente sull’immigrazione. E ancora, la democrazia diretta; l’agitazione “anticasta” per quanto siano grandi le colpe da addossare ai partiti; la retorica dell’antipolitica. Mi piace, però, che a Torino e a Roma abbiano vinto Chiara Appendino...

Continua »

Featuring Recent Posts WordPress Widget development by YD