Anima / Corpo

benessere malessere, la scienza, lo spirito, la vita

In una parola / La differenza materna e quella paterna

5 dicembre 2018
di Alberto Leiss

Pubblicato sul manifesto il 4 dicembre 2018 –

Vorrei interloquire con il mio “vicino di rubrica” Sarantis Thanopulos e con Annarosa Buttarelli, che hanno firmato insieme (I genitori e il sesso degli angeli) un intervento su argomenti profondi che riguardano l’essere genitori, il linguaggio, l’origine della differenza sessuale.
Ho molto apprezzato che, su temi tanto controversi, un uomo e una donna abbiano reso pubblico uno scambio, dando la prova che una interlocuzione di questo “genere” sta diventando possibile.
Anche a me non piace la dicitura burocratica “genitore 1 e genitore 2”, e mi preoccupa che posizioni di amiche femministe possano essere accomunate alle posizioni reazionarie di quei politici – come l’attuale ministro degli interni – che agitano la differenza tra uomini e donne per riaffermare un’idea di “famiglia naturale” nella quale solo la presenza di “papà e mamma” è capace di rassicurare, di fatto respingendo le donne (e anche gli uomini) nei ruoli codificati da migliaia di anni di patriarcato.
Il linguaggio però, persino quello burocratico, non cambia mai a caso, e se a un certo punto sono spuntati i “genitori 1 e 2” è perché bisogna pur vedere il fatto che oggi esistono famiglie composte da due mamme o due papà, o anche da solo una o uno che si prendono cura di figli, concepiti a volte in modo diverso da quello “naturale”. I numeri da coda allo sportello “neutralizzano” ogni differenza: bisognerà esercitarsi nella ricerca di nuove formule linguistiche: sarebbe fecondo per la burocrazia e per tutte e tutti.
Un punto che mi sembra necessario chiarire, per evitare la confusione tra concezioni in realtà opposte della differenza e gli equivoci sul “genere”, è come ci si pone di fronte a questi nuovi tipi di convivenza tra persone adulte e piccole creature. Affermare, come fa Annarosa Buttarelli, l’unicità della relazione materna contro ogni tendenza alla sua neutralizzazione, e considerarla l’origine della stessa esperienza della differenza sessuale, per donne e per uomini, mi sembra che anche un uomo possa condividerlo, se ci pensa un po’. Ma credo che si debba provare a dire qualcosa di più – compete a noi maschi, ma non solo direi – sulla differente relazione paterna.
Non sono un antropologo né uno psicologo ma mi sembra vero che noi uomini siamo stati ancestralmente turbati e ammaliati dalla certezza corporea e simbolica della maternità, provandone anche molta invidia (altro che invidia femminile del pene!). E la relazione “astratta” con i nostri figli ha prodotto molte cose pessime.
Il nostro corpo non è direttamente coinvolto dalla procreazione: eppure c’è qualcosa che ha intimamente a che fare con il nostro corpo in quelle particelle di liquido che contribuiscono alla formazione di un nuovo essere umano. Me ne accorgo in qualche modo quando guardo mia figlia e mio figlio.
Oggi molti padri cercano un rapporto diverso, più stretto e corporeo, con figli e figlie. Su questi desideri – per quanto contraddittori, spesso contaminati da antiche pulsioni “proprietarie” – gioca la politica strumentale della legge Pillon.
Una risposta diversa può essere efficace se il nuovo desiderio di paternità, non solo “normativa” e invece incline alla cura, che si affaccia sulla scena della sessualità viene riconosciuto, e incoraggiato verso comportamenti che rompano con gli stereotipi patriarcali, e le pulsioni misogine e omofobe che si portano dietro.
Una cosa che riguarda prima di tutto noi uomini, ma che potrà funzionare solo se lo scambio continuerà non a sesso unico. Come Annarosa e Sarantis ci indicano.

Featuring Recent Posts WordPress Widget development by YD