Cura del vivere

In una parola / Sogni (tra foreste e utopie)

di Alberto Leiss
In una parola / Sogni (tra foreste e utopie)

Pubblicato sul manifesto il 9 luglio 2019 – La parola sogno deriva molto semplicemente dal latino somnium, sonno. Molto meno semplice sarebbe spiegare perché il significato di sogno si sia nel tempo così staccato da quello del dormire. Tanto da assumere valori simbolici opposti nelle nostre vite: si sogna “a occhi aperti” quando si...

Continua »

In una parola / Un Archivio per costruire ponti crollati

di Alberto Leiss
In una parola / Un Archivio per costruire ponti crollati

Pubblicato sul manifesto il 2 luglio 2019 – Le immagini del grande ponte della mia città, i cui resti finiscono di crollare grazie a una “sapiente” distruzione, hanno colpito anche me. Ma ancora di più due coincidenze. Pochi giorni fa ho ricevuto da un’amica genovese – Paola Pierantoni – la copia di un libro...

Continua »

Ballerino delle parole, tra leggerezza e temerarietà

di Letizia Paolozzi
Ballerino delle parole, tra leggerezza e temerarietà

A Centocelle, sono comparse frasi prese dai testi di Nanni. “Si può sentire lo strappo sonoro scorrere il sangue la nuova vita che arriva”. “In una realtà caotica ostile immensa” Si tratta, ha spiegato l’anonimo che le ha scritte di “Una lingua per l’antifascismo”. Forse. Sicuramente sono la testimonianza di un rapporto lungo e...

Continua »

Nanni la chiamava “Rosamia”

di Mattia Tombolini
Nanni la chiamava “Rosamia”

Nanni era sempre indaffarato. Tutti i giorni si svegliava e pensava a cosa doveva fare, a cosa era in sospeso dal giorno prima. Prendeva il telefono e chiamava. Girava con una macchina color bordeaux. Una volta mi è capitato di salirci. Anche dopo gli 80 anni lui era convinto di prendere la macchina. La...

Continua »

Featuring Recent Posts WordPress Widget development by YD